Papa: “Colloqui a Singapore per pace futura”

17
In foto Papa Francesco

Città del Vaticano, 10 giu. (AdnKronos) – “I colloqui che avranno luogo nei prossimi giorni a Singapore possano contribuire allo sviluppo di un percorso positivo, che assicuri un futuro di pace per la penisola coreana e per il mondo intero”. E’ l’auspicio che Papa Francesco esprime al termine dell’Angelus in piazza San Pietro, sottolineando l’importanza e la speranza, sollevata dal vertice fra il presidente degli Usa Donald Trump e il leader della Nord Corea Kim Jong-un.

Il pontefice non ha toccato solo temi internazionali, ma si è rivolto ai fedeli per parlare della “malizia con cui, in modo premeditato, si vuole distruggere la buona fama dell’altro, è un vero veleno mortale”. “Può capitare che una forte invidia per la bontà e per le opere buone di una persona possa spingere ad accusarla falsamente”, osserva il Pontefice commentando il brano del Vangelo in cui gli scribi criticano l’atteggiamento di Gesù e la sua disponibilità verso le folle. “Dio ci liberi da questa terribile tentazione – esclama il Papa – e se, esaminando la nostra coscienza, ci accorgiamo che questa erba cattiva sta germogliando dentro di noi, andiamo subito a confessarlo, prima che si sviluppi e produca i suoi effetti malvagi”.

“In ogni circostanza cerchiamo di assecondare la voce dello Spirito Santo, attraverso azioni concrete di bene” ha twittato, infine, Papa Francesco dal suo account @Pontifex.